04 Dicembre 2020

Accoglienza migranti a Calvello, presentate due mozioni in consiglio comunale. Approvata la proposta della maggioranza, bocciata quella della minoranza

23-09-2017 13:03 - notizie val camastra e basilicata 2017
CALVELLO - Da oltre due mesi il tema dell´accoglienza dei migranti è sempre caldo e molto discusso a Calvello. Recentemente la questione è approdata anche in consiglio comunale. Nell´ultima seduta consiliare sono state presentate due distinte mozioni dai gruppi di maggioranza e minoranza. Durante il dibattito in consiglio è stata approvata la proposta avanzata dalla maggioranza (voto contrario della minoranza). In estrema sintesi, nella mozione viene evidenziata la contrarietà all´apertura di un centro di accoglienza a Calvello, ma, nel contempo, la possibilità di ospitare alcuni migranti (preferibilmente piccoli nuclei familiari), a determinate condizioni. Si chiede, infatti, alla Prefettura di Potenza «la non opportunità di procedere alla predisposizione di un centro di prima accoglienza, se non nel caso di effettiva emergenza, collegata ad una ripresa ingente dei flussi migratori». «Il collocamento dei migranti - si legge nel testo della mozione, presentata dal gruppo consiliare di maggioranza "Uniamo Calvello" - dovrà avvenire in strutture periferiche idonee, ad oggi non ancora accertate sul nostro territorio. In tale evenienza venga garantita la presenza di massimo dieci migranti, solo nell´eventualità dell´attivazione di centri di accoglienza in tutti i comuni della provincia di Potenza. Sia garantita - prosegue il testo della mozione - la massima collaborazione tra gli organi di controllo, al fine di evitare turbamenti e siano individuati appositi programmi di utilità sociale e a favore della comunità ospitante. Riteniamo che il Comune di Calvello non possa e non voglia sottrarsi civilmente e cristianamente all´impegno civico del rispetto della dignità umana e di collaborazione tra organi dello Stato». E´ stata bocciata in consiglio comunale, invece, la mozione presentata dal gruppo di minoranza "Liberi di Ricominciare". Contrari all´attuale sistema di accoglienza, per opporsi a qualsiasi forma di business, soprattutto privato, che si nasconde dietro i principi di solidarietà ed umanità, i consiglieri comunali di minoranza hanno chiesto, nella loro mozione, «di non procedere alla predisposizione di un centro di prima accoglienza a Calvello. Di considerare la volontà della comunità calvellese, tramite una consultazione referendaria, qualora si ripresentasse l´emergenza migranti riscontrata nei mesi scorsi. Di accogliere - hanno aggiunto - solo in caso di emergenza e solo su effettiva coercizione della Prefettura, trasmessa tramite un atto pubblico ufficiale, nelle stesse modalità e nella stessa tempistica riguardante tutti i comuni della nostra provincia». Ricordiamo che a Calvello, poco più di un mese fa, sono state raccolte 471 firme per opporsi all´arrivo dei migranti richiedenti asilo sul territorio comunale. Due distinte petizioni sono state portate avanti dal gruppo consiliare di minoranza "Liberi di Ricominciare" e da alcuni cittadini calvellesi. Sulla questione migranti si sono susseguite, inoltre, assemblee pubbliche ed interrogazioni consiliari. Anche la sindaca Maria Anna Falvella, nel mese di luglio, aveva inviato una lettera al Prefetto di Potenza, sottolineando che, a Calvello, non sussistono le condizioni idonee per l´accoglienza dei migranti. (Donato Pavese)

- ARTICOLO "IL QUOTIDIANO" -

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
NORMATIVA SULLA PRIVACY

Informativa ai sensi dell´art. 13 del Codice della Privacy

Ai sensi dell´articolo 13 del codice della D.Lgs. 196/2003, vi rendiamo le seguenti informazioni.

Finalità del trattamento

I dati possono essere raccolti per una o più delle seguenti finalità:
1)fornire l´accesso ad aree riservate del Portale e di Portali/siti collegati con il presente e all´invio di comunicazioni anche di carattere commerciale, notizie, aggiornamenti sulle iniziative dell´associazione La voce lucana
2)eseguire gli obblighi previsti da leggi o regolamenti;
3)gestione contatti;

Modalità del trattamento

I dati verranno trattati con le seguenti modalità:
1)raccolta dati con modalità single-opt, in apposito database;
2)registrazione ed elaborazione su supporto cartaceo e/o magnetico;
3)organizzazione degli archivi in forma prevalentemente automatizzata, ai sensi del Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza, Allegato B del Codice della Privacy.

Natura obbligatoria

Tutti i dati richiesti sono obbligatori.

Soggetti a cui dati potranno essere comunicati i dati personali

I dati raccolti potranno essere comunicati a:
soggetti che debbano avere accesso ai dati, come da norme di legge o di normative secondarie e/o comunitarie.

Diritti dell´interessato

Ai sensi ai sensi dell´art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) del Codice della Privacy, vi segnaliamo che i vostri diritti in ordine al trattamento dei dati sono:
- conoscere, mediante accesso gratuito l´esistenza di trattamenti di dati che possano riguardarvi;
- essere informati sulla natura e sulle finalità del trattamento
- ottenere a cura del titolare, senza ritardo:
- la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intellegibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; la richiesta può essere rinnovata, salva l´esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta giorni;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
- l´aggiornamento, la rettifica ovvero, qualora vi abbia interesse, l´integrazione dei dati esistenti;
- opporvi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che vi riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- Vi segnaliamo che il titolare del trattamento ad ogni effetto di legge è:

associazione La voce lucana
Via r margherita
85014 laurenzana (pz)
- Per esercitare i diritti previsti all´art. 7 del Codice della Privacy ovvero per la cancellazione dei vostri dati dall´archivio, è sufficiente contattarci attraverso uno dei canali messi a disposizione.
Tutti i dati sono protetti attraverso l´uso di antivirus, firewall e protezione attraverso password.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio