28 Settembre 2020

Vicenda sportello multiservizi di Calvello. Interviene la minoranza consiliare: "due ragazze senza lavoro"

07-10-2017 17:39 - notizie val camastra e basilicata 2017
CALVELLO - Ha sollevato un polverone la recente soppressione dello sportello multiservizi del Comune di Calvello. Unico nel suo genere tra i paesi della Val Camastra, per circa tre anni questo servizio ha svolto un importante ruolo sociale, assicurando supporto ed informazioni plurisettoriali a favore dei cittadini. Lo sportello multiservizi ha fornito assistenza in diversi ambiti: dai rapporti con società come Acquedotto Lucano, Enel, Eni, alla raccolta differenziata, al pagamento del bollo auto, all´estrazione di visure della Camera di Commercio, oltre a svolgere la funzione di punto turistico informativo. Dal 2 ottobre l´amministrazione comunale di Calvello ha deciso di apportare sostanziali novità alla gestione del servizio. Lo sportello multiservizi sarà rimpiazzato dallo sportello per i cittadini. Lo ha stabilito la Giunta comunale con la delibera numero 94 del 30 agosto scorso. Un servizio finora esterno all´ente municipale sarà internalizzato. Fin qui nulla di eclatante. «Tutto questo, però, avverrà a scapito di due posti di lavoro, legati direttamente all´affidamento esterno. Due ragazze, Marianna e Silvia, perderanno il lavoro». A dichiararlo sono stati i consiglieri comunali Giuseppe Pompeo, Marirosa Gallicchio ed Anna Cantisani del gruppo di minoranza "Liberi di Ricominciare". A sostegno delle due ragazze, i tre consiglieri hanno esplicitamente chiesto all´amministrazione comunale un passo indietro e la possibilità, attraverso una diversa forma contrattuale, di riassumere Marianna e Silvia. «La solidarietà alle due ragazze è d´obbligo - hanno aggiunto i rappresentati del gruppo consiliare "Liberi di Ricominciare"; - la loro competenza, se valutata con attenzione da parte dell´amministrazione comunale, avrebbe potuto rappresentare un valido e concreto supporto all´attività amministrativa. Si è preferito, invece, dirottare i fondi altrove - hanno concluso Giuseppe Pompeo, Marirosa Gallicchio ed Anna Cantisani - a scapito di due giovani, che progettavano di vivere a Calvello con le proprie famiglie». Naturalmente è stata grande l´amarezza di Marianna e Silvia, che hanno, così, commentato l´intera vicenda: «con questa decisione è stato sottratto un grande servizio alla comunità, perché lo sportello rimarrà aperto in modo ridotto, creando disagio ai cittadini, soprattutto a quelli più anziani. Non pensavamo che in una società evoluta con a capo persone intelligenti, le scelte politiche potessero incidere così tanto sulla nostra esperienza professionale, ma evidentemente abbiamo commesso un errore di valutazione. Nonostante tutto - hanno dichiarato ancora Marianna e Silvia - siamo grate della solidarietà e della vicinanza, mostrateci da molti concittadini». «Questa è la reale dimostrazione che in tre anni abbiamo svolto un buon operato e siamo state di aiuto a tante persone. Ciò che ci amareggia maggiormente - hanno concluso le due ragazze - è il modo in cui l´amministrazione comunale ha agito nei nostri confronti, in quanto avremmo voluto più trasparenza e un pizzico di umanità». La replica dell´amministrazione comunale di Calvello è arrivata in risposta ad un´interrogazione consiliare, presentata dal capogruppo di minoranza, Giuseppe Pompeo. «Al termine del progetto di reingegnerizzazione avviato - ha spiegato la sindaca Maria Anna Falvella - è nostra intenzione valutare la possibilità di procedere con la successiva esternalizzazione del servizio, dopo una congrua valutazione dei costi e dei benefici collegati. Il Comune di Calvello - ha ancora evidenziato la prima cittadina - non ha alcun rapporto contrattuale con le due operatrici impiegate nella gestione dello sportello. Ovviamente l´amministrazione comunale - ha aggiunto Maria Anna Falvella - non è estranea alle problematiche occupazionali, soprattutto giovanili, e si adopererà per agevolare l´inserimento delle due lavoratrici in qualunque progetto, che dovesse avviarsi sul nostro territorio, compatibilmente con il loro profilo professionale». (Donato Pavese)

- ARTICOLO "IL QUOTIDIANO" -

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
NORMATIVA SULLA PRIVACY

Informativa ai sensi dell´art. 13 del Codice della Privacy

Ai sensi dell´articolo 13 del codice della D.Lgs. 196/2003, vi rendiamo le seguenti informazioni.

Finalità del trattamento

I dati possono essere raccolti per una o più delle seguenti finalità:
1)fornire l´accesso ad aree riservate del Portale e di Portali/siti collegati con il presente e all´invio di comunicazioni anche di carattere commerciale, notizie, aggiornamenti sulle iniziative dell´associazione La voce lucana
2)eseguire gli obblighi previsti da leggi o regolamenti;
3)gestione contatti;

Modalità del trattamento

I dati verranno trattati con le seguenti modalità:
1)raccolta dati con modalità single-opt, in apposito database;
2)registrazione ed elaborazione su supporto cartaceo e/o magnetico;
3)organizzazione degli archivi in forma prevalentemente automatizzata, ai sensi del Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza, Allegato B del Codice della Privacy.

Natura obbligatoria

Tutti i dati richiesti sono obbligatori.

Soggetti a cui dati potranno essere comunicati i dati personali

I dati raccolti potranno essere comunicati a:
soggetti che debbano avere accesso ai dati, come da norme di legge o di normative secondarie e/o comunitarie.

Diritti dell´interessato

Ai sensi ai sensi dell´art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) del Codice della Privacy, vi segnaliamo che i vostri diritti in ordine al trattamento dei dati sono:
- conoscere, mediante accesso gratuito l´esistenza di trattamenti di dati che possano riguardarvi;
- essere informati sulla natura e sulle finalità del trattamento
- ottenere a cura del titolare, senza ritardo:
- la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intellegibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; la richiesta può essere rinnovata, salva l´esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta giorni;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
- l´aggiornamento, la rettifica ovvero, qualora vi abbia interesse, l´integrazione dei dati esistenti;
- opporvi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che vi riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- Vi segnaliamo che il titolare del trattamento ad ogni effetto di legge è:

associazione La voce lucana
Via r margherita
85014 laurenzana (pz)
- Per esercitare i diritti previsti all´art. 7 del Codice della Privacy ovvero per la cancellazione dei vostri dati dall´archivio, è sufficiente contattarci attraverso uno dei canali messi a disposizione.
Tutti i dati sono protetti attraverso l´uso di antivirus, firewall e protezione attraverso password.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio