08 Luglio 2020
news
percorso: Home > news > notizie 2013

La storia del passato come possibilità di sviluppo futuro. A Laurenzana un gemellaggio con Gravina di Puglia

16-03-2013 08:44 - notizie 2013
Un momento del convegno a Laurenzana
LAURENZANA - Ci sono stati dei legami reali tra la contea di Gravina ed il feudo di Laurenzana? Può un affresco testimoniare un passaggio eccezionale: quello di Manfredi di Svevia a Laurenzana? Quando è stato edificato il convento di Santa Maria della Neve? Interrogativi a cui storici e studiosi hanno provato a dare risposte nel corso del convegno "Di là, dove?", tenutosi nel Polifunzionale di Laurenzana. Un incontro storico-culturale che ha sancito anche un solidale e concreto gemellaggio tra le Pro Loco di Laurenzana e Gravina in Puglia (Bari). «La promozione del turismo religioso è sicuramente un nostro obiettivo preciso». Sono state queste le parole della presidente della Pro Loco di Laurenzana, Carmela Beneventi, e del sindaco Domenico Urga, che hanno aggiunto: «per raggiungere degli ottimi risultati è importante una fattiva collaborazione tra gli enti locali e le associazioni presenti sul territorio». Storici e studiosi hanno, poi, provato a sciogliere qualche enigma, relativo alla storia di Laurenzana. Il presidente della Pro Loco di Gravina, Fedele Raguso, ha esordito facendo un "tuffo" nella storia passata. «Dall´undicesimo secolo in poi - ha detto Raguso - ci sono stati dei legami tra la contea di Gravina ed il feudo di Laurenzana. Legami di carattere feudale, ecclesiastico e commerciale. Soffermandoci sul legame feudale - ha aggiunto il presidente Raguso - possiamo dire che dopo la morte di Federico II di Svevia avvenuta nel 1250, suo figlio Manfredi ottenne il Principato di Taranto e la contea di Gravina. Un suo fedele sostenitore, Guglielmo "Il Grosso", divenne il feudatario di Laurenzana, come riportato dal "Catalogo dei Baroni del Regno Normanno"». Due interrogativi hanno, successivamente, animato il convegno: Manfredi di Svevia è realmente passato da Laurenzana, come sembra indicare un affresco presente nel convento di Santa Maria della Neve? In quale periodo è sorto il convento di Santa Maria della Neve? Il professore Rocco Motta, presidente del Fondo "Venerabile servo di Dio Beato Egidio da Laurenzana", sostiene la tesi del passaggio di Manfredi a Laurenzana, anzi «quell´affresco - ha sottolineato - potrebbe averlo addirittura commissionato lo stesso Manfredi, che si stava recando a Taranto, non potendo attraversare la Val d´Agri, dove non era ben visto». Il professor Motta, inoltre, ha puntualizzato che questo evento sarebbe avvenuto nel 1254 e «sono convinto - ha sostenuto - che in quel periodo già erano presenti, a Laurenzana, i frati francescani, provenienti da Marsicovetere». «Non è provato scientificamente che il personaggio raffigurato nell´affresco sia proprio Manfredi di Svevia - ha evidenziato la dottoressa Antonella Pellettieri, dirigente di ricerca del Cnr». Per quanto concerne, invece, l´istituzione del convento di Santa Maria della Neve di Laurenzana, la dottoressa Pellettieri ha rinvenuto documenti che attesterebbero la costruzione dell´opera tra il 1488 ed il 1512. Il professore Motta parla di qualche decennio prima (1463-73), come riportato in uno scritto di padre Bonaventura da Laurenzana. Ricordiamo che l´antico convento francescano, dove ha vissuto il Beato Egidio da Laurenzana, è stato trasformato in cimitero nella seconda metà del diciannovesimo secolo, quando, con la caduta del governo borbonico, furono soppressi gli ordini religiosi (Legge del 7 luglio 1866). «E´ un ambiente inospitale, divenuto posto di seppellimento - ha ricordato l´ingegnere Giovanni Morena, segretario del Fondo "Venerabile servo di Dio Beato Egidio da Laurenzana" - ed è obbligo morale dei laurenzanesi e delle istituzioni portare rispetto a questo antico edificio religioso». Nel corso del dibattito, inoltre, sono state avanzate alcune proposte da inserire in un piano quinquennale, culminante nel 2018, data in cui si ricorderanno i cinquecento anni della morte del Beato Egidio da Laurenzana. Il convento di Santa Maria della Neve è tuttora oggetto di un´iniziativa del Centro nazionale delle ricerche (Cnr) e del "Quotidiano della Basilicata" dal novembre del 2011, nell´ambito del progetto "Adotta un monumento". La dottoressa Antonella Pellettieri ha precisato che il progetto, attualmente, è in una fase di blocco; gli studi e le relative ricerche sono stati fatti. L´impegno, ora, è quello di portarlo a termine. (Donato Pavese)

- ARTICOLO "IL QUOTIDIANO" -

VISUALIZZA LE FOTO >>

LEGGI LA NOTIZIA >>

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
NORMATIVA SULLA PRIVACY

Informativa ai sensi dell´art. 13 del Codice della Privacy

Ai sensi dell´articolo 13 del codice della D.Lgs. 196/2003, vi rendiamo le seguenti informazioni.

Finalità del trattamento

I dati possono essere raccolti per una o più delle seguenti finalità:
1)fornire l´accesso ad aree riservate del Portale e di Portali/siti collegati con il presente e all´invio di comunicazioni anche di carattere commerciale, notizie, aggiornamenti sulle iniziative dell´associazione La voce lucana
2)eseguire gli obblighi previsti da leggi o regolamenti;
3)gestione contatti;

Modalità del trattamento

I dati verranno trattati con le seguenti modalità:
1)raccolta dati con modalità single-opt, in apposito database;
2)registrazione ed elaborazione su supporto cartaceo e/o magnetico;
3)organizzazione degli archivi in forma prevalentemente automatizzata, ai sensi del Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza, Allegato B del Codice della Privacy.

Natura obbligatoria

Tutti i dati richiesti sono obbligatori.

Soggetti a cui dati potranno essere comunicati i dati personali

I dati raccolti potranno essere comunicati a:
soggetti che debbano avere accesso ai dati, come da norme di legge o di normative secondarie e/o comunitarie.

Diritti dell´interessato

Ai sensi ai sensi dell´art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) del Codice della Privacy, vi segnaliamo che i vostri diritti in ordine al trattamento dei dati sono:
- conoscere, mediante accesso gratuito l´esistenza di trattamenti di dati che possano riguardarvi;
- essere informati sulla natura e sulle finalità del trattamento
- ottenere a cura del titolare, senza ritardo:
- la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intellegibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; la richiesta può essere rinnovata, salva l´esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta giorni;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
- l´aggiornamento, la rettifica ovvero, qualora vi abbia interesse, l´integrazione dei dati esistenti;
- opporvi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che vi riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- Vi segnaliamo che il titolare del trattamento ad ogni effetto di legge è:

associazione La voce lucana
Via r margherita
85014 laurenzana (pz)
- Per esercitare i diritti previsti all´art. 7 del Codice della Privacy ovvero per la cancellazione dei vostri dati dall´archivio, è sufficiente contattarci attraverso uno dei canali messi a disposizione.
Tutti i dati sono protetti attraverso l´uso di antivirus, firewall e protezione attraverso password.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account