28 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > notizie 2015

E´ sempre più preoccupante il fenomeno cinghiali in Val Camastra: provocati danni ed incidenti. Interviene il consigliere provinciale Daniele Giorgio Di Ioia

30-08-2015 11:37 - notizie 2015
Un esemplare di cinghiale: provocati danni in Val Camastra
VAL CAMASTRA - Preoccupa sempre maggiormente in Val Camastra il fenomeno dei cinghiali. Negli ultimi giorni esemplari sono stati avvistati nel centro abitato di Laurenzana lungo la strada statale 92. Inoltre, in località "Taverna d´Anzi" hanno causato anche un incidente stradale ad un motociclista.
Sulla questione è intervenuto il consigliere provinciale, nonchè consigliere comunale di Anzi, Daniele Giorgio Di Ioia.
"Poteva finire in tragedia l´incidente accaduto in località "Taverna d´Anzi" dove, un giovane centauro, ha impattato con un cinghiale che attraversava la strada ed è stato sbalzato dalla moto andando a finire fuori dalla carreggiata. Purtroppo ultimamente si registrano sempre più casi di incidenti stradali causati dall´attraversamento di strade da parte dei cinghiali, che ormai si spingono oltre le aree protette ,a giudicare dalle numerose segnalazioni di avvistamenti a poche decine di metri da fabbricati rurali o semplici abitazioni situati fuori dai centri urbani. Dunque, cinghiali sotto i riflettori dell´attualità per casi più gravi , come quelli , come quelli accaduti in questi giorni per l´aggressione mortale in Sicilia e due incidenti stradali in Abruzzo ed in provincia di Pisa ,ma che fuori dai canali mediatici costituiscono una vera e costante minaccia per tutto il territorio della Basilicata. Anche se, l´emergenza vera, che interessa tutto il Paese, è legata ai danni che questi ungulati procurano all´agricoltura ed al territorio divenuti ormai ingenti e che , in una regione come la nostra, da sempre a vocazione agricola che sta attuando politiche di investimento ulteriore in questo settore con il PSR (Piano di sviluppo rurale), risulta intollerabile che si continui ad ignorare e a non fronteggiare la questione. Tanti danni, forse troppi, per le aziende che devono lavorare e produrre e che sono sistematicamente ostacolate dai cinghiali; come poco, troppo poco si è fatto per capire un problema che rischia di vanificare la programmazione nel settore dell´agricoltura. Servono risposte concrete e fattive immediate! E´ triste ed insopportabile vedere vanificato lo sforzo dei tanti agricoltori impegnati nel miglioramento qualitativo della nostra terra, soprattutto quando ci troviamo in presenza di risultati ottimi riconosciuti ed esportati fuori dai confini regionali. E´ un problema che ha radici profonde ed è un´emergenza ancora in espansione perché favorita da un territorio molto proficuo per questa specie con l´ esistenza di due parchi nazionali , oltre a parchi regionali e ad aree protette. Da non trascurare la riflessione che i cinghiali costituiscono una vera e propria minaccia per il dissesto idrogeologico, di cui la nostra regione non è indenne, perché rompono i muretti a secco, spostano pietre, scavano e riempiono fossati. Non si può indugiare oltre, la Provincia e la Regione devono intervenire subito adottando misure straordinarie capaci di risolvere il problema alla base e, sicuramente, un piano di abbattimento selettivo potrebbe servire, almeno nell´immediato, a contenere e limitare i danni. Poi, l´imminenza della stagione venatoria, con apposite modifiche rispetto al calendario già stabilito, potrebbe essere una circostanza favorevole per un ulteriore aiuto volto a ridurre il numero dei cinghiali. Il mio auspicio è che si riesca a trovare una soluzione veloce a tutela degli agricoltori, sempre più spesso chiamati a pagare un conto che non gli compete, e per garantire la tutela dell´incolumità dell´intera comunità e dei cittadini che vivono e transitano per le strade di questa meravigliosa regione".

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
NORMATIVA SULLA PRIVACY

Informativa ai sensi dell´art. 13 del Codice della Privacy

Ai sensi dell´articolo 13 del codice della D.Lgs. 196/2003, vi rendiamo le seguenti informazioni.

Finalità del trattamento

I dati possono essere raccolti per una o più delle seguenti finalità:
1)fornire l´accesso ad aree riservate del Portale e di Portali/siti collegati con il presente e all´invio di comunicazioni anche di carattere commerciale, notizie, aggiornamenti sulle iniziative dell´associazione La voce lucana
2)eseguire gli obblighi previsti da leggi o regolamenti;
3)gestione contatti;

Modalità del trattamento

I dati verranno trattati con le seguenti modalità:
1)raccolta dati con modalità single-opt, in apposito database;
2)registrazione ed elaborazione su supporto cartaceo e/o magnetico;
3)organizzazione degli archivi in forma prevalentemente automatizzata, ai sensi del Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza, Allegato B del Codice della Privacy.

Natura obbligatoria

Tutti i dati richiesti sono obbligatori.

Soggetti a cui dati potranno essere comunicati i dati personali

I dati raccolti potranno essere comunicati a:
soggetti che debbano avere accesso ai dati, come da norme di legge o di normative secondarie e/o comunitarie.

Diritti dell´interessato

Ai sensi ai sensi dell´art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) del Codice della Privacy, vi segnaliamo che i vostri diritti in ordine al trattamento dei dati sono:
- conoscere, mediante accesso gratuito l´esistenza di trattamenti di dati che possano riguardarvi;
- essere informati sulla natura e sulle finalità del trattamento
- ottenere a cura del titolare, senza ritardo:
- la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intellegibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; la richiesta può essere rinnovata, salva l´esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta giorni;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
- l´aggiornamento, la rettifica ovvero, qualora vi abbia interesse, l´integrazione dei dati esistenti;
- opporvi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che vi riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- Vi segnaliamo che il titolare del trattamento ad ogni effetto di legge è:

associazione La voce lucana
Via r margherita
85014 laurenzana (pz)
- Per esercitare i diritti previsti all´art. 7 del Codice della Privacy ovvero per la cancellazione dei vostri dati dall´archivio, è sufficiente contattarci attraverso uno dei canali messi a disposizione.
Tutti i dati sono protetti attraverso l´uso di antivirus, firewall e protezione attraverso password.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio