29 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > notizie 2017

Accoglienza migranti, il sindaco di Laurenzana Michele Ungaro chiede spiegazioni al vice prefetto di Potenza. «Presentati progetti privati e pronto ad ordinanza di sgombero se struttura non a norma»

20-08-2017 19:39 - notizie 2017
LAURENZANA - All´inizio di luglio non aveva preso parte all´incontro tra il prefetto di Potenza ed i sindaci della provincia per discutere sulla questione dei migranti e sulla loro accoglienza nei comuni lucani. A distanza di oltre un mese, il sindaco di Laurenzana, Michele Ungaro, ha rotto ogni indugio sulla vicenda, durante l´ultima seduta del Consiglio comunale di Calvello, alla presenza della vice prefetto vicaria di Potenza, Maria Rita Cocciufa. A Laurenzana, da diverso tempo, non si parla d´altro: la questione migranti è al centro di forti discussioni in paese. Inoltre, qualche settimana fa, un comitato di cittadini ha promosso anche una petizione popolare. Nel corso del Consiglio comunale di Calvello, Michele Ungaro è intervenuto, ponendo vari interrogativi alla vice prefetto Cocciufa. In primis ha evidenziato che la problematica legata al possibile arrivo di migranti è diffusa anche a Laurenzana. Poi ha parlato di progetti privati circa l´accoglienza dei richiedenti asilo e di una raccolta firme in paese, come è avvenuto a Calvello. «I bandi relativi all´apertura dei centri di accoglienza vengono redatti e pubblicati dalla prefettura - ha spiegato Ungaro - e noi sindaci siamo obbligati per legge a controllare soltanto che le strutture interessate siano agibili. Voglio capire - rivolgendosi alla vice prefetto Cocciufa - se abbiamo potere di dare diniego a chi vuole fare speculazione sulla pelle dei migranti. Il mio obiettivo è quello di tutelare la comunità». «Anche a Laurenzana sono stati avanzati dei progetti privati per l´accoglienza dei migranti - ha proseguito il sindaco - e sono pronto ad emettere un´ordinanza di sgombero in assenza dei certificati di agibilità. Se la struttura risultasse a norma - ha aggiunto il primo cittadino di Laurenzana - noi sindaci cosa possiamo fare?». In un vivace confronto con la vice prefetto, Maria Rita Cocciufa, il sindaco Ungaro ha detto di sentirsi «bypassato». Non si è fatta attendere la replica piccata della vice prefetto: «ha mai sentito parlare di collaborazione tra i diversi livelli di governo sul territorio? Non mi sembra logico - ha puntualizzato - che un comune di millesettecento abitanti abbia un problema per dieci migranti. Se noi gliene mandassimo cinquanta, lei avrà tutte le ragioni di questo mondo». Sempre rivolgendosi al sindaco di Laurenzana, la vice prefetto Cocciufa ha affermato: «le statistiche sugli atti di criminalità commessi da queste persone sono veramente ridicole. Comunque c´è un obbligo da parte nostra di un´attività di controllo, che esercitiamo sul territorio con le forze di polizia». Il sindaco di Laurenzana, Michele Ungaro, ha, poi, chiesto alla vice prefetto quanti migranti potrebbe ospitare una struttura di accoglienza in un piccolo paese. La risposta di Cocciufa è stata di dieci persone al massimo. Pronta la replica di Ungaro: «Ne è sicura? Se una cooperativa risponde al bando per ospitare trenta richiedenti asilo, cosa si fa in quel caso?». Cocciufa è stata chiara, precisando: «al suo comune spettano dieci migranti e, solo con il suo consenso, potrebbe essere ospitato un numero maggiore di richiedenti asilo». Leggendo il bando rivolto a soggetti privati e pubblicato dalla prefettura di Potenza, si evince che i comuni con una popolazione compresa tra i mille ed i tremila abitanti, potrebbero ospitare fino a trentacinque richiedenti asilo. Viene, però, precisato che «l´idoneità delle strutture verrà valutata anche in ordine all´impatto socio-economico sul territorio e di ordine e sicurezza pubblica, sentita a riguardo l´amministrazione comunale competente». (Donato Pavese)

- ARTICOLO "IL QUOTIDIANO" -

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
NORMATIVA SULLA PRIVACY

Informativa ai sensi dell´art. 13 del Codice della Privacy

Ai sensi dell´articolo 13 del codice della D.Lgs. 196/2003, vi rendiamo le seguenti informazioni.

Finalità del trattamento

I dati possono essere raccolti per una o più delle seguenti finalità:
1)fornire l´accesso ad aree riservate del Portale e di Portali/siti collegati con il presente e all´invio di comunicazioni anche di carattere commerciale, notizie, aggiornamenti sulle iniziative dell´associazione La voce lucana
2)eseguire gli obblighi previsti da leggi o regolamenti;
3)gestione contatti;

Modalità del trattamento

I dati verranno trattati con le seguenti modalità:
1)raccolta dati con modalità single-opt, in apposito database;
2)registrazione ed elaborazione su supporto cartaceo e/o magnetico;
3)organizzazione degli archivi in forma prevalentemente automatizzata, ai sensi del Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza, Allegato B del Codice della Privacy.

Natura obbligatoria

Tutti i dati richiesti sono obbligatori.

Soggetti a cui dati potranno essere comunicati i dati personali

I dati raccolti potranno essere comunicati a:
soggetti che debbano avere accesso ai dati, come da norme di legge o di normative secondarie e/o comunitarie.

Diritti dell´interessato

Ai sensi ai sensi dell´art. 7 (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti) del Codice della Privacy, vi segnaliamo che i vostri diritti in ordine al trattamento dei dati sono:
- conoscere, mediante accesso gratuito l´esistenza di trattamenti di dati che possano riguardarvi;
- essere informati sulla natura e sulle finalità del trattamento
- ottenere a cura del titolare, senza ritardo:
- la conferma dell´esistenza o meno di dati personali che vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intellegibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento; la richiesta può essere rinnovata, salva l´esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta giorni;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
- l´aggiornamento, la rettifica ovvero, qualora vi abbia interesse, l´integrazione dei dati esistenti;
- opporvi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che vi riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- Vi segnaliamo che il titolare del trattamento ad ogni effetto di legge è:

associazione La voce lucana
Via r margherita
85014 laurenzana (pz)
- Per esercitare i diritti previsti all´art. 7 del Codice della Privacy ovvero per la cancellazione dei vostri dati dall´archivio, è sufficiente contattarci attraverso uno dei canali messi a disposizione.
Tutti i dati sono protetti attraverso l´uso di antivirus, firewall e protezione attraverso password.

Siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio